Foggia, ecco Zeman: "Non nomi, ma gente che ha fame di arrivare" - I AM CALCIO BARI

Foggia, ecco Zeman: "Non nomi, ma gente che ha fame di arrivare"

La presentazione del boemo
La presentazione del boemo
FoggiaSerie C Girone C

Dopo l’annuncio e la firma del contratto che lo legherà al Foggia per una stagione, Zdenek Zeman è stato presentato in una affollata conferenza nella sala stampa dello stadio Zaccheria. Per primo ha parlato il presidente Canonico:

"È una giornata molto importante. Sono felice di aver portato il Maestro a casa. Zeman non lo scopro io, ho visto nei suoi occhi una grande determinazione e voglia di far calcio a grandi livelli. C’è un affetto mostruoso in città per quello che ha fatto. Ha tanti ammiratori sparsi in Italia e nel mondo per l’essenza del suo calcio. Sono onorato di dargli la possibilità di portare il Foggia a livelli importanti. E giocarsi con serenità le ambizioni personali, della società e di tutti i tifosi. Dobbiamo restare con i piedi per terra, è arrivato il Maestro che insegna calcio. Ho chiesto al mister di farci divertire, il calcio è bello per questo".

Il boemo, seduto tra Canonico e la Pintus, ha risposto alle domande dei giornalisti. Queste le sue dichiarazioni:

“Avevo voglia di rientrare nel calcio – ha esordito il boemo - gli ultimi due anni sono stati bruttissimi perché il calcio senza la gente non ha senso. E spero che d'ora in avanti si possa tornare a giocare con il pubblico. Sono qui per fare un calcio propositivo, sperando che la società mi possa mettere a disposizione una squadra all’altezza, non una squadra di nomi, ma gente che ha fame di arrivare. Nella mia ultima stagione qui eravamo in Serie C e di quella squadra sette giocano in Serie A. Qui mi sento a casa, è l’ottavo campionato che farò a Foggia. Significa che mi sono trovato bene, Foggia ha significato tanto per la mia carriera. Mi sono preso grandi soddisfazioni assieme alla squadra e alla città. Spero di poter dare altre soddisfazioni a tutta la piazza di Foggia”.

Alla domanda se si sentiva anziano per allenare, l’allenatore ha risposto così, tra gli applausi dei presenti: “Anziano? Io mi sento migliorato rispetto a quando ero giovane e spero di dimostrarlo sul campo. C’è un signore tedesco (Jupp Heynckes ndr) che ha vinto la Champions a 74 anni, io ho la stessa età, la Champions non la vincerò, ma spero di fare comunque bene”.

Celestino Ieronimo

Leggi altre notizie:FOGGIA Serie C Girone C