Il Molfetta Calcio presenta Lanzillotta e Terrone. Le parole dei due

Molfetta
Molfetta

Tempo di presentazione per gli ultimi due arrivati in casa Molfetta Calcio: il centrocampista Michele Lanzillotta, che ha già esordito nel match con il Corato, e Nando Terrone, attaccante proveniente dalla V. Trani.

Terza esperienza in Eccellenza per Lanzillotta, dopo i due campionati vinti con le maglie di Monopoli e Fasano. Giocatore esperto, classe ’84, con più di 300 partite tra serie C e D, ha scelto Molfetta “per la fiducia che nutro nei confronti dello staff tecnico e della società e perché rappresenta un’ottima realtà calcistica sul territorio e una piazza importante”. Centrale di centrocampo, da classico regista ama far girare pallone e squadra, alternando gioco corto e lungo. Lo si è visto anche nel match di esordio con il Corato, nonostante il pessimo terreno: “Abbiamo provato comunque a giocare. Mi sono inserito subito bene anche grazie alla conoscenza che ho con molti ragazzi del gruppo come Bartoli, Loseto, Vitale, Lorusso. Tutti giocatori importanti. Assieme possiamo far bene, a partire dalle prossime due partite casalinghe per chiudere al meglio l’anno solare”.

Nando Terrone, invece, è un attaccante generoso, in perenne lotta su ogni pallone, con all’attivo ben 80 reti in sei stagioni con la maglia del Bitonto, prima di una fugace apparizione con la V. Trani.

A Trani la situazione era insostenibile. E a me è dispiaciuto molto lasciare così, da tranese, dopo pochi mesi. L’ho fatto con rammarico e dispiacere verso i tifosi. Al contempo sono ovviamente contentissimo di essere approdato a Molfetta: una scelta stimolante, una società tra le più solide della categoria. Ed è bello proseguire quello che ha fatto qui mio fratello un paio di anni or sono (Sabino Terrone, tra i migliori un paio di stagioni or sono ndr). Lui, assieme ad altri amici e colleghi, mi hanno consigliato di approdare qui e io spero di poter fare bene. Per far sì che accade occorre basare un rapporto fondato su stima reciproca e su obiettivi comuni. Solo così si possono creare i presupposti anche per lunghe collaborazioni, come è accaduto per me a Bitonto”.

A cura di: Ufficio stampa Molfetta Calcio

Antonio Fioretti

Leggi altre notizie:MOLFETTA CALCIO