Bari, Giancaspro : "In crisi di gioco e identità occorre essere uniti"

Giancaspro
Giancaspro

Conferenza stampa in mattinata al San Nicola del Presidente della Fc Bari Cosmo Giancaspro, che ci mette la faccia davanti alle critiche dei giorni scorsi, invitando i tifosi a stare vicino alla squadra in questo momento delicato della stagione, invitandoli a sostenere i propri beniamini nella cruciale sfida di sabato contro il Verona.

"Oggi ritengo doveroso essere qui; ringrazio i giornalisti per le critiche costruttive ma ritengo che sia alquanto inutile iniziare i processi; le sentenze devono essere necessariamente scritte a fine campionato; c'è un equilibrio sconcertante in classifica sia in testa che in coda e se prima servivano due-tre vittorie, ora con un solo successo si entra ed esce dai play-off; due squadre col paracadute, retrocesse dalla serie A, non hanno la certezza di risalire nella massima serie, come noi, e comunque non abbiamo mai rischiato zone pericolose"

"Abbiamo perso la giusta mentalità quando ci siamo sentiti troppo sicuri di aver raggiunto l'equilibrio e la forza necessaria; è un paradosso che la vittoria col Benevento, storica nella mia gestione perché emozionante, ci ha fatto mollare la consapevolezza di gareggiare in competizioni non facili; non è assolutamente matematico che se spendi e acquisti giocatori importanti poi vai in Serie A, lo dimostrano i fatti"

"Siamo fra le società che a pieno titolo hanno i conti in regola; il famoso fair play finanziario assumerà sempre più un ruolo fondamentale per partecipare ai campionati, ma sono un po' deluso quando dicono che continuano a girare voci che i calciatori non vengono pagati e che ci sono spaccature nello spogliatoio"

"Nessuno ha voluto accampare scuse su campi sintetici o stadi. Ma voglio testimoniare a voi tutti che onestamente non è possibile pensare di andare in uno stadio che non ha bar o steward; i costi di gestione che sostiene il Bari sono invece a livello di Serie A""

"Ai tifosi dico di non cadere nella trappola del troppo amore; quando si ama troppo una persona, o in questo caso i propri beniamini, si fa l'errore di arrabbiarsi e perdere le staffe. E' giusto, ma ricordatevi che siamo tutti degli uomini, non è automatico essere invincibili alle critiche. La squadra è in difficoltà proprio mentale perchè ha perso la consapevolezza di essere una squadra forte; c'è una crisi di gioco e di identità, in particolare in trasferta. Il bandolo della matassa la possono trovare solo loro"

"Chiedo a tutti di essere uniti; altre società sono più tranquille perché il giorno dopo cade tutto nell'oblio; saranno sei partite fondamentali per capire chi siamo. Ciò deve motivare il sostegno ad ogni costo, la partita col Verona sarà la partita dell'anno"

Mariano Ventrella